REGISTRATI   LOG IN
twitter google+ rss
  Home | Chi sono | Leggere Orme | Contatti | Plugin | Help |
  sito di Cultura Economica
 

Categorie > Tutti i post | Cultura | Economia | Politica | Comunicazioni


taglio.jpg

Se foste produttori di farina, secondo voi cosa conterebbe di più per voi, possedere un quintale di grano duro da trasformare subito in farina e fare il vostro business, oppure possedere banconote emesse dalla BCE per il corrispondente valore del grano di 24 euro?

Possedere il quintale di grano duro, ovviamente, perché potendolo trasformare in farina potreste rivendere il prodotto finito ad un prezzo superiore.

Ebbene, cosa accade oggi che il tasso ufficiale di interese dell'euro vale 0,10 punti percentuali in meno rispetto a ieri, per volere della BCE (leggi qui), che ne ha il monopolio di emissione? Accade che l’euro vale meno, perché la BCE ha disposto che, rispetto a ieri, le banche possono chiedere denaro in prestito ad essa pagando un tasso di interesse prossimo allo zero (0,05%; praticamente gratis). Questo significa che per le banche, bisognose di svolgere le proprie attività speculative nei mercati borsistici, costerà molto poco prendere a prestito nuovo denaro dalla BCE e immetterlo, ad esempio, anche nelle borse merci dove si scambia il nostro grano duro.

Ciò determinerà un afflusso di euro maggiore rispetto a prima, che nel mercato in cui si scambia il grano duro potrebbe essere utile per comprare maggiori quantità di esso. Ma più si domanderà grano duro con quei maggiori euro a disposizione, più il suo prezzo inizierà ad aumentare. Così non pagheremo più un quintale di grano duro a soli 24 euro, bensì a 25, 26 a 30 euro al quintale.

Insomma per possedere un  quintale di grano noi produttori di farina saremmo costretti a procurarci euro in più per comprare lo stesso quantitativo di grano che prima si acquistava con meno euro.

Eppure la produzione di grano non è diminuita tanto da rendere il grano più raro e giustificare un incremento del suo prezzo. E la gente consuma sempre lo stesso quantitativo di farina di prima e non chiede maggiore farina, tanto da essere disposta a pagare di più rispetto a prima e farne aumentare il prezzo alla vendita. Perché mai allora il costo del grano e della farina dovrebbero aumentare?

Se la gente non può spendere di più rispetto a prima per l’acquisto dello stesso quantitativo di farina, i produttori inizieranno a chiedere in prestito gli euro, necessari per comprare la materia prima, alle banche (che ad esse, ora costa poco quanto niente). Un aumento delle domande di prestito di denaro da parte dei produttori significa per le banche approfittarne e aumentare il costo dei loro prestiti concessi; quindi maggiori tassi di interesse che i produttori devono pagare per finanziarsi.

Chi non potrà permettersi un finanziamento a costi incrementati sarà costretto a chiudere l’attività. Chi invece potrà permetterselo, fin quando sarà conveniente, incrementerà il costo della farina prodotta (affinché si possa  rientrare anche del costo del debito contratto) e la venderà solo alla gente più ricca che può pagarla di più rispetto a prima.

Certo, ci si potrebbe inventare qualcosa per incrementare il quantitativo di farina prodotta e guadagnare sull’economia di scala; ma tutto ciò restando alla speranza che un’innovazione tecnologica, la quale sia in grado di aumentare la produzione, sia presto resa disponibile al produttore, che i lavoratori siano disposti a lavorare di più per produrre di più, che i redditi dei clienti magicamente aumentino e che il maggiore quantitativo di farina prodotta non resti invenduto perché si rivela essere in eccesso rispetto alle effettive esigenze della gente!

E che dire di chi ha risparmiato i propri redditi in fondi comuni di investimento, i quali riceveranno euro svalutati rispetto ai propri piani iniziali, con i quali potrebbero comprare meno farina rispetto a prima? E delle importazioni, ad esempio di energia (petrolio e gas), che con un euro più svalutato costerebbero di più, pur acquistando la stessa quantità?

Queste conseguenze si riassumono con una sola parola: impoverimento.

E questo accade per una sola e deleteria decisione arbitraria di un ente centrale (la BCE) di abbassare artificialmente il costo del denaro, con una semplice disposizione tecnica, ad essa concessa per legge.

Ci arrivate cari lettori? A decidere se una banconota sia valida (e se sì, quanto valida) per acquistare un quintale di grano non è l’insieme delle contrattazioni fatte da chi opera sui mercati, quello del mercato del grano compreso (ossia, coloro che producono, che trasformano, che ne acquistano il prodotto finito, ecc.). Lo decide un ente per tutti. E se questo ente svaluta il denaro per favorire i suoi amici banchieri e governanti (e questo è proprio il caso della realtà degli ultimi decenni), gli operatori di mercato non possono sostituire quel denaro svalutato con un altro migliore, più efficiente e meno corrotto, perché per legge, chi in un modo chi in un altro, è obbligato ad usare quel denaro che rende improvvisamente più oneroso l’acquisto di materie prime e prodotti finiti.


Postato il 05/09/2014 da Pasquale Marinelli nella categoria Economia





montagna.jpg

Diciamo la verità, andare in vacanza quest’anno e tenere entrambi gli occhi chiusi è praticamente impossibile. Il nostro paese è in caduta libera e le conseguenze del suo sfacelo è tutto a rischio e pericolo di noi cittadini; non certo di politici e banchieri che hanno causato ciò.

Ebbene, dalle ultime pubblicazioni di Banca Italia, il debito pubblico continua ad aumentare (soprattutto a causa degli interessi maturati su di esso), giungendo a quota 2.168,4 miliardi di euro nel mese di giugno (+ 4,57% dall’inizio dell’anno). Ma ciò non è una novità, è semplicemente una conferma di quanto noi blogger di economia continuiamo a riferire a voi lettori da mesi e mesi; checché ne abbia voluto dire il capo del governo italiano con le sue balle, circa la ripresa economica italiana che solo lui prevedrebbe a settembre (addirittura, una “ripresa col botto”. Ma va, va!).

La novità vera riguarda qualcos’altro. Ovvero, il forte accumulo di denaro liquido che il dipartimento del Tesoro italiano sta facendo negli ultimi mesi. Infatti il Tesoro vanta nel mese di giugno qualcosa come 105,3 miliardi di euro in riserve liquide. Se si pensa che a giugno 2013 ne aveva appena 76,3 miliardi e che dall’inizio dell’anno le riserve liquide sono aumentate del 35,7% (13,4 miliardi), ci si rende conto che esiste un’anomalia.

Le domande che sorgono spontanee sono: che senso ha emettere titoli di stato ed indebitarsi, semplicemente per accumulare denaro? Che senso ha crearsi riserve di una valuta come l’euro, soprattutto ora che esso vale sempre meno rispetto al dollaro? Che senso ha accumulare una valuta che rischia di svalutarsi repentinamente anziché accumulare beni reali di valore, così come stanno facendo Russia, Cina e India con l'oro, se ci si vuole creare un'alternativa valida al sistema monetario unico europeo?

Le entrate tributarie italiane sono in netto calo rispetto a maggio scorso del 7,7%. Solitamente lo stato si indebita perché non riesce a coprire le spese pubbliche le quali sono in eccesso rispetto alle entrate tributarie. Quindi l’Italia si dovrebbe indebitare proprio per far fronte a questa dissintonia che c’è fra aumento delle spese pubbliche e diminuzione delle entrate pubbliche. Invece l’Italia, negli ultimi mesi, si indebita permettendosi il lusso di crearsi una montagna di euro liquidi non ancora utilizzati. Perché?

Forse perché si prevede un allargamento del buco del bilancio pubblico nel prossimo futuro, così da farvi fronte con gli euro accantonati fino ad allora? Oppure perché, in autunno si prevede un nuovo rialzo dei rendimenti dei titoli di stato, per cui il governo vi farebbe fronte riacquistando il proprio debito attraverso la montagna di denaro accumulato e tenendo così a bada lo spread con i bund tedeschi che in autunno potrebbe riprendere a salire?

Qualunque sia la risposta, cari lettori, tutti quei soldi accumulati facendo debiti a vostro ed esclusivo nome (ricordatevelo), non finiranno nelle vostre tasche. Se lo stato italiano sta accumulando euro lo sta facendo strategicamente in quanto, molto probabilmente, prevede tempi molto bui per l'economia del paese, dalla quale potrà spremere sempre meno per le sue attività clientelari e, per questo, oggi si indebiterebbe di più perché è maggiormente conveniente rispetto a quanto lo sarà nei mesi a venire, quando indebitarsi diverrà più oneroso. Questo lo sa soprattutto l'Europa e lo sanno gli investitori. Gli unici che non l'hanno ancora capito sono i contribuenti e i risparmiatori italiani, che restano inermi e con le mani in mano nonostante le evidenze di un governo che continua ad indebitarli e a non permettere loro un avvenire.

La cosa non sfugge agli occhi di chi controlla i conti pubblici dell’Italia (noi blogger di economia compresi) e ciò induce a diffidare ancora di più dell’Italia, delle sue false prospettive di crescita e di chi la governa o la vorrebbe governare.

Io riprendo la mia vacanza, non tenendo entrambi gli occhi chiusi, ma almeno uno lo terrò aperto, perché i giochi politici che si faranno nei mesi a venire, a discapito dei nostri risparmi e del nostro lavoro, si stanno impostando proprio in questi caldi giorni di agosto.


Postato il 14/08/2014 da Pasquale Marinelli nella categoria Economia





gameover.jpg

Ahimè sono già costretto ad interrompere il periodo di vacanze del blog, annunciato nel mio ultimo micropost, per informarvi circa la conferenza della BCE di ieri.

Il governatore della banca centrale europea Draghi, inizialmente non ha detto nulla di nuovo rispetto alle precedenti uscite pubbliche: la BCE ha in cantiere misure anticonvenzionali pronte a poter partire e che sostanzialmente mirano allo stimolo del credito e alla svalutazione dell'euro, i cui effetti non si manifesteranno prima di un lunghissimo anno. Le operazioni più importanti sono:

- operazione TLTRO: in Italia non si investe; a cosa potrà mai servire all’economia reale? Mistero!

- operazione ABS: in realtà, lo sguardo è ad un vero e proprio Quantitive Easing in versione europea per svalutare l’euro (prima o poi, saranno costretti a farlo, checché ne potrà dire la Germania)

Il dollaro è sempre più forte e per i mesi a venire lo sarà ancora di più. Ciò si riflette negativamente sulle nostre importazioni, soprattutto per quanto concerne l’acquisto di energia dall’estero. Inoltre, la congiuntura economica europea non accenna segnali significativi di ripresa, soprattutto perché tirata in basso dalle negative performance dei paesi poco virtuosi, fra i quali si è aggiunta la Francia, ma soprattutto in cui vi è  proprio l'Italia chiacchierona, che annuncia riforme ma che non è in grado di farle.

E il bello arriva adesso. Il governatore della BCE, una delle cariche più influenti nell’economia d’Europa e del mondo,  il quale, vi ricordo, non è votato da nessuno degli europei (ma forse gli italiani sono abituati più di tutti ad essere governati da non eletti), si è permesso di dire che sarebbe giunto il momento di cedere la sovranità nazionale dei paesi membri incapaci di attuare le riforme economiche necessarie, ad un organo centrale che ne guidi gli sviluppi. Capito? Uno che non è autorizzato dal popolo a governare il popolo e a parlare per il popolo, dice al popolo che esso dovrebbe rinunciare alla propria indipendenza politica perché se le riforme non sapete farle voi, allora le dovrà fare qualcun altro. E poi ci si vanta di vivere nell’eden della democrazia!

A dire il vero, l’Italia si merita proprio questo: essere conquistata dagli stranieri, perché è incapace di coltivare le proprie risorse e di preservare i propri talenti! A dimostrazione di ciò, vi riporto cosa ha risposto colui che è tirato in causa, tale Renzi, capo del governo italiano in carica (anch’esso non eletto):

“Sono assolutamente d’accordo con Draghi, se è un affondo, affondo anche io”

Lui sarebbe d’accordo affinché l’Italia sia comandata dall’esterno? Da far cascare le braccia!

E’ chiaro che sul tavolo ci sia l’ipotesi di commissariamento dell’Italia. In autunno l’Italia avrà bisogno di aiuti, la BCE dovrà intervenire e i tedeschi si opporranno chiedendo il commissariamento del paese.

Qualunque cosa ci dicano i nostri governanti (non eletti), l’economia italiana non ripartirà. Il governatore della BCE suggerisce ricette economiche circa il mercato del lavoro, quello dei prodotti, circa la concorrenza e il sistema giudiziario. Tutta roba di second'ordine cari lettori. L’unico modo per ripartire sarebbe stato quello di ridurre la pressione fiscale sotto il 20% (con l’automatico taglio drastico delle spesa pubblica e liberalizzazione dei mercati). Di questo passo invece, l’unica cosa che ripartirà in Italia è una colonia di famiglie e di imprese in fuga all’estero.

Di nuovo, buone vacanze.


Postato il 08/08/2014 da Pasquale Marinelli nella categoria Economia





vacanze.jpg

E' giunto il momento di un po' di relax e di godermi le ferie che sono ormai prossime. Come ogni anno, per tutto agosto le pubblicazioni sul blog saranno sospese. Esse riprenderanno a settembre. Devo scusarmi con i lettori se ultimamente la frequenza dei miei post sia decisamente calata, ma il mio lavoro assorbe più energie di quanto non lo faccia in altri periodi dell'anno. La situazione italiana non è migliorata: essa è sempre di più terra di confische fiscali e di legacci burocratici che rendono sconveniente ogni iniziativa economica e demoralizzante la ricerca di un nuovo lavoro. Quella globale è una situazione altrettanto preoccupante. Focolai di guerra si sono accesi in molte zone della terra: Siria, Ucraina e Libia. In Spagna, Scozia e Italia emergono sentimenti indipendentisti dai rispettivi stati centrali. L'Argentina invece ha scelto la strada per un nuovo default (eppure c'è chi diceva che essi, con la loro moneta sovrana avrebbero risolto i problemi; idioti!), il PIL degli USA è prossimo allo zero con un accresciuto debito pubblico (nonostante il mare di carta moneta stampata fino a qualche mese fa; babbei!). Il Giappone sta per osservare lo sgretolamento del suo esperimento di far ripartire l'economia a forza di stampa illimitata di denaro (nonostante ciò infatti, le esportazioni non salgono, il debito pubblico è alle stelle, mentre la popolazione ha smesso di risparmiare e invecchia sempre di più). I maggiori creditori esteri di questi sciagurati paesi (Italia inclusa) sono Russia e Cina, ovvero coloro che si possono permettere il lusso (proprio perché creditori) di mettersi di traverso rispetto alle scelte di politica internazionale di USA e di UE. Guarda caso, questi ultimi sono quelli che dipingono ipocritamente Russia e Cina come i lupi cattivi del mondo (cosa volete aspettarvi da una classe dirigente occidentale, che non sa fare altro che svalutare il proprio denaro, indebitare la propria popolazione e distruggere i risparmi di essa?). Dopo la crisi del 2008 il mondo occidentale non ha risolto i problemi economici che l'hanno generata, così come in questo blog vi ho più volte spiegato. Governi e banchieri hanno rimandato la risoluzione fino ad oggi, per cui il conto da pagare è ancora più salato di allora. E quando la mole di debiti pubblici e privati giunge al livello di insanabilità, così come lo è quello attuale, allora non c'è niente da fare, cari lettori, la questione si risolve o con un'innovazione tecnologica senza precedenti oppure con una nuova guerra. Immaginate voi quale delle due opzioni è più probabile. Lo so, è avvilente. Non vi nascondo che questa mia consapevolezza avvilisce le motivazioni che mi dovrebbero spingere a continuare a scrivere questo blog, nonostante io non voglia mollare a raccontare e testimoniare questo triste momento storico del mondo civilizzato in cui viviamo. Agosto potrebbe rivelarci qualche sorpresina; in caso di sorprese particolarmente importanti, non esiterò ad informarvi. Buone vacanze a tutti e arrivederci a settembre.


Postato il 30/07/2014 da Pasquale Marinelli nella categoria Comunicazioni





fogliobrucia.jpg

Buone notizie. Ricordate la ritenuta del 20% che le banche italiane avrebbero dovuto applicare sui bonifici dall’estero derivanti da redditi di natura finanziaria (leggi qui)? Il decreto legge n. 66/2014 elimina definitivamente questa gabella introdotta sprovvedutamente nel 2013. Riporto testualmente il comma 2 dell’art. 4 E' abrogato il comma 2 dell'articolo 4 del decreto-legge 28 giugno 1990, n. 167 convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n. 227.” Considerato che l’Italia annega sempre di  più in quantità record di debito pubblico, è schiacciata sempre di più da un’incivile pressione fiscale, i cui cittadini lavoratori sono sempre meno e che essa sostiene un sistema bancario e politico sempre più profondamente corrotto, non è molto come provvedimento, bisogna ammetterlo! Però, ogni tanto, una buona notizia è sempre bene darla. E non dite che in questo blog si leggono sempre e solo cose negative.


Postato il 16/07/2014 da Pasquale Marinelli nella categoria Economia





<< Avanti 1 2 3 4 5 ... 61 62 63 Indietro >>

Content Management Powered by CuteNews

 

Cerca sul Blog

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter del Blog

 

Inserisci il tuo indirizzo Email:



Vorrei ricevere informazioni circa:
Tutto
Cultura
Economia
Leggere Orme
Politica

Ultimi Commenti
 
pasquale [24/05/2015] scrive: per Marco: è vero, nell'apparato di stato vi sono anche persone oneste (ne conosco alcune). Nella politica ancora meno. Purtroppo sono troppo cinico per non credere che quelle persone oneste contribuiscano comunque, anche se in buona (buonissima) fede, ad un sistema di stato sempre più VIOLENTO nei confronti delle libertà fondamentali del singolo individuo. Vai al post

pasquale [24/05/2015] scrive: per Marat: grazie mille per la citazione di Aristotele sulle comunità politiche; ciò che ha detto in merito dovrebbe ispirare la ricerca di un disegno di società alternativo a quello attuale. Vai al post

Marco Dal Prà [23/05/2015] scrive: Carissimo Pasquale,
lo stato non è una entità astratta. Lo stato non è una macchina che si muove in modo assoluto. E' un sistema fatto di persone che spesso pensano solo ai propri interessi personali. Non esiste uno stato che ordisce contro i cittadini per soggiogarli. Esistono persone piccole che pur di arrivare ai loro scopi sono pronte a tutto.
Ma quando voti puoi votare anche persone oneste. E' difficile trovarle ma ci sono. Ma l'elettore medio e' prigro e non ha voglia di cercarla nè di espreimere la preferenza. Vai al post

Marat [23/05/2015] scrive: Fino a che punto siamo povere vittime dei nostri governi? E fino a che punto invece ce li siamo costruiti?
Non c'è buon governo senza prima buoni cittadini, attenti, educati e consapevoli. In Italia, la vedo dura... Ma l'Islanda ha molto da insegnarci: lì lo Stato se lo sono ripreso in mano i cittadini, cacciando gli usurpatori (=banche). E' più facile quando le realtà plitiche sono piccole, anche territorialmente. Il nostro è un paese grande e complesso. Forse dovremmo arrenderci al fatto che, come Aristotele insegnava, le comunità politiche dovrebbero essere di modesta dimensione, altrimenti il potere sfugge a ogni ragionevole ed effettivo meccanismo di controllo.

Saluti a questo bellissimo blog, che come sempre propone tematiche e riflessioni di grande interesse. Vai al post

Giovanni Tomei [23/05/2015] scrive: Viene voglia di conoscerti e parlare a lungo di "qualcosa" in una serata di tarda primavera, o alle soglie dell'autunno, alla brezza leggera della sera che conquista il tramonto. Che la buona vita sia con te. Potresti mandarmi un indirizzo buono per vedere il video che indichi per "La Grande Bellezza" che risulta non più online? Vai al post

Le Battaglie del Blog

 

Contante Libero

 

I Portali del Blog

 

Ultimi post inseriti:

Un misuratore di dolore
Che forma ha l'amore?
I nostri eroi

Link Amici
 
Segui il blog:
EconoMia & Finanza
LunarPages.com
CutePHP.com
Altervista.org
Histats.com
OkNotizie.Alice.it
Segnalo.Alice.it
Fai.Informazione.it
Meemi.com
RuvoDiPugliaWeb.it
PortfolioMagazine.it
RischioCalcolato.it
WallStreetItalia.com
Trend-OnLine.com
Facebook/Bloggeritalia
BorsaWeb.altervista.org
ContanteLibero.it
Diggita  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
Liquida 
Aggregatore 
Blog Directory 
Top 100 Blog 
http://www.wikio.it 
 

 

© 2008-2015 MarneviBlog 1.5 by Pasquale Marinelli - Tutti i diritti sono riservati | Designed by Pasquale Marinelli | Diffusione dei contenuti | Privacy |
loghi creati il 24/04/2011 | ® registrati il 06/06/2011 | pubblicati il 06/06/2011 | Autore: Pasquale Marinelli | © Titolare del copyright: Pasquale Marinelli | Limiti di utilizzo

 

facebook