REGISTRATI   LOG IN
twitter twitter google+ rss
  Home | Chi sono | Leggere Orme | Contatti | Plugin | Help |
  sito di Cultura Economica
 

Categorie > Tutti i post | Cultura | Economia | Politica | Comunicazioni


stampa Addio agli uomini senza volto

La grande guerra (1964) - Renè Magritte. Collezione privata

Torniamo a responsabilizzarci! Diamo un taglio netto alla confermata e ormai depravata consuetudine della delega delle proprie responsabilità.

Questo non è un grido. E’ il mio modo di prendere atto di una speranzosa inversione di tendenza. Vivo in una piccola cittadina del sud Italia che in questi giorni di tardo autunno mi ha letteralmente stupito; ossia Ruvo di Puglia. Infatti, percorrendo il suo centro storico non ho potuto non notare l’iniziativa dei commercianti della zona di animare il passeggio di questi giorni prenatalizi dei passanti, non solo con semplici e reclamizzanti decorazioni che teatralizzano questo “gran varietà religioso”, ma anche con un lieve e delizioso sottofondo musicale natalizio, il quale riempie lo spazio sonoro di un luogo tanto bisognoso di essere “reinventato” e soprattutto ravvivato. Insomma, laddove la pubblica amministrazione di questa cittadina non arriva a comprendere appieno la semplicità e la grandissima utilità del decoro del paese in alcuni momenti della vita in comune degli uomini, trascurando, con legittime giustificazioni, la scarsa messa in opera delle decorazioni natalizie, ci arriva chi è decisamente e direttamente interessato; ossia il singolo membro della comunità  (in questo caso, i commercianti), collocando alberi di natale negli angoli della strada principale, addobbandoli con elementi che pubblicizzano l’insegna dei negozi che esercitano nelle vie storiche, decorando gli ingressi degli esercizi con festoni tra loro in sintonia fra una rivendita e l’altra, installando un impianto stereo che si estende lungo quasi tutta la strada maggiore e che amplifica musiche con temi natalizi.

La qualità estetica di questa privata iniziativa è di sicuro sindacabile ma, a me, interessa cogliere l’occasione di riferire questo accadimento perché sembra esemplare per riflettere sulla necessità, nelle nostre vite, di evitare il vicolo ceco in cui spesso ci imbattiamo e rappresentato dall’attendersi, di ognuno, che sia qualcun altro (per esempio, lo Stato) a risolvere i nostri bisogni. Accade che, ormai sempre più spesso, assumiamo un atteggiamento di deresponsabilizzazione sull’organizzazione della vita in comune. Pensiamo, giustamente, che chi abbia ricevuto i nostri voti politici, debba risolvere i problemi della collettività, ma poi ci scordiamo, soprattutto in momenti come questi, che probabilmente quei voti da noi espressi in passato, siano stati oggetto di uno scambio di promesse clientelari che riguardavano soltanto la risoluzione di un proprio problema, come per esempio, potrebbe essere la raccomandazione per ottenere un posto di lavoro, magari mai ricevuto (perché soggiogati dall’astuzia del politicante) e, per nulla essi abbiano riguardato, ad esempio, la promessa che a Natale il paese fosse illuminato a festa. Quindi, deleghiamo allo Stato (e alle sue appendici locali) troppo e ci attendiamo che questo ente si occupi di noi così come farebbe la mamma con il proprio figliolo. Ma lo Stato non è la nostra mamma e quindi le promesse possono anche non essere mantenute, con il risultato che, chi lo rappresenta sedente su di una poltrona, ha il potere di disporre delle nostre vite (perché da noi delegato col voto). Il resto dei cittadini, invece, avrà partecipato soltanto alla scelta del candidato ma non alle decisioni che effettivamente riguarderanno l’organizzazione della nostra vita. In effetti, su quelle si perde la propria voce in capitolo nell’esatto momento in cui si appone il segno sulla scheda elettorale, perché così facendo si dichiara di non volersi occupare direttamente della risoluzione dei problemi della società, i quali, probabilmente, da coloro che riceverebbero il potere, non saranno considerati minimamente, perché nella scala delle priorità dell’uomo viene prima il proprio interesse e dopo quello altrui.

Noi dovremmo essere lo Stato e non chi ci rappresenta. Così come è accaduto ai cittadini ruvesi i quali, avendo ricevuto dal proprio Comune una scarsa illuminazione a festa del paese e solo un suo particolare interesse alla tradizionale realizazzione di un caro presesepe nella piazza principale di Ruvo, sono stati i commercianti del luogo che si sono ad esso sostituiti, regalando a chi abita questo paese il colore e il calore del Natale. Allo stesso modo dobbiamo comportarci sulle altre questioni che riguardano la nostra vita, come, ad esempio, la pulizia delle nostre strade, la cura e la preservazione del verde, l’accoglienza turistica nella nostra terra e tanto altro ancora. Dai nostri rappresentati istituzionali invece, dovremmo solo pretendere che difendano, per conto di tutti, la libertà di ognuno di decidere in concerto e in prima persona della propria vita nella collettività.

Un’alta dose di libertà richiede una quantità altrettanta uguale di responsabilità. Ma avere responsabilità significa rispondere ai valori in cui si crede, così da potersi immedesimare in essi.







0 Commenti
Postato il 13/12/2009 da Pasquale Marinelli nella categoria Politica


Inserisci un commento

Nome:
E-mail: (facoltativo)



Digitare i seguenti caratteri:
Security Image


| Dimenticami

Cliccando su "Inserire il commento" dichiari automaticamente di aver preso visione della nota informativa sulla Privacy e dai il consenso al trattamento dei dati.
Content Management Powered by CuteNews

 

Cerca sul Blog

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter del Blog

 

Inserisci il tuo indirizzo Email:



Vorrei ricevere informazioni circa:
Tutto
Cultura
Economia
Leggere Orme
Politica

Cliccando su "Vai" dichiari automaticamente di aver preso visione della nota informativa sulla Privacy e dai il consenso al trattamento dei dati.


 

Ultimi Commenti
 
pasquale [27/07/2016] scrive: Le banche le abbiamo inventate perché fungessero da deposito di beni merci (metalli preziosi, principalmente), proprio perché circolassero le rappresentative note di banco (il denaro contante, appunto).
Studia meglio Claudio, perché articoli come questo sono la prova schiacciante che non tutti vogliono rimanere nell'ignoranza dilagante. Ignoranza dilagante di cui il tuo commento ne è purtroppo una prova schiacciante. Vai al post

claudio [24/07/2016] scrive: Abbiamo inventato le banche per non circolare con il denaro. Eravamo i primi siamo oggi indietro come le palle dei cani e l'articolo ne è prova schiacciante. Ps. Sarà mica casuale che abbiamo il record dei pagamenti in contanti e il record dell'evasione fiscale. Vai al post

claudio [29/06/2016] scrive: C'è qualcuno che potrebbe dirmi quanto costa stampare e coniare moneta nella UE e in Italia? Vai al post

Le Battaglie del Blog

 

Contante Libero

 

I Portali del Blog

 

Ultimi post inseriti:

Link Amici
 
Segui il blog:
EconoMia & Finanza
LunarPages.com
CutePHP.com
Altervista.org
Histats.com
OkNotizie.Alice.it
Segnalo.Alice.it
Fai.Informazione.it
RischioCalcolato.it
WallStreetItalia.com
Trend-OnLine.com
Facebook/Bloggeritalia
BorsaWeb.altervista.org
ContanteLibero.it
 
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
Liquida 
Aggregatore 
Blog Directory 
http://www.wikio.it 
 

 

© 2008-2017 MarneviBlog 1.5 by Pasquale Marinelli - Tutti i diritti sono riservati | Designed by Pasquale Marinelli | Diffusione dei contenuti | Privacy |
loghi creati il 24/04/2011 | ® registrati il 06/06/2011 | pubblicati il 06/06/2011 | Autore: Pasquale Marinelli | © Titolare del copyright: Pasquale Marinelli | Limiti di utilizzo