REGISTRATI   LOG IN
twitter google+ rss
  Home | Chi sono | Leggere Orme | Contatti | Plugin | Help |
  sito di Cultura Economica
 
 

Categorie > Tutti i post | Cultura | Economia | Politica | Comunicazioni

 
stampa Contate Libero: quasi 4 mila adesioni

contante.jpg

A soli 39 ore di distanza dal lancio della campagna Contante Libero, sono state raccolte, al momento in cui vi scrivo, la bellezza di 3.884 adesioni on-line (più di quanto sia riuscito a fare, in un mese, il sito rivale War on Cash, con la sua petizione da 1000 firme non ancora raggiunte). Per la prima volta in Italia, più di 60 blogger hanno dato il via ad un’iniziativa intellettuale e di divulgazione delle informazioni senza precedenti. Contante Libero parte da un’idea di alcuni blogger amici che, dopo un semplice scambio di e-mail, hanno partorito il progetto di un evento che potesse coinvolgere l’interesse del maggior numero possibile di cittadini, per offrire a tutti la possibilità di confronto e di argomentazione seria e scientifica circa la libertà di utilizzo di qualunque mezzo di pagamento. L’iniziativa quindi non ha alcun colore politico o matrice partitica. Il sito Contante Libero, in queste ore, è letteralmente preso d’assalto dagli internauti che desiderano approfondire la questione. Ciò è possibile grazie ad una capillare azione di divulgazione che sfrutta le reti sociali già consolidate dai blogger che, in prima linea, sostengono l’iniziativa. Già qualche giornale "giurassico" inizia ad accorgersi che qualcosa stia succedendo sulla rete (vedi qui). Contante Libero è a favore del libero utilizzo di qualunque mezzo di pagamento (sia elettronico che in contanti) ed è contro quelle disposizioni che restringono la libertà di scelta delle persone (come la legge che impone limiti all’uso del contante). L’invito è quello di continuare a parlare dell’iniziativa fra i vostri amici e conoscenti e di discutere con loro sulla questione dell’uso del contante, il quale deve essere libero. Ci aggiorniamo.







2 Commenti
Postato il 04/01/2013 da Pasquale Marinelli nella categoria Comunicazioni


Andrea [04/01/2013 06:40] scrive:
www.promogold.org e non com dato che è una ORGanizzazione e non ha carattere commerciale. E' stata resa operativa per il ripristino della parità aurea sottratta a tutti i popoli struzzi
Andrea [04/01/2013 06:38] scrive:
Intervengo per sostenere che l'iniziativa di "contante libero" non risolve il problema. Oggi ho scoperto che quarta parola più cercata nel motore di ricerca google nel 2012 è stata SPREAD !!!
E' una delle tante dimostrazioni di come la finanza utilizza le parole, queste forme di raccolta firme ed altre strategia per far in modo che NULLA DEVE CAMBIARE.

Il popolino ha paura, non sa cosa pensare, non sa come agire e quando tenta qualche azzardo, viene additato di spam. Agli altri dico di ragionare che i depositi delle famiglie devono essere solo in oro. Loro è un metallo e quando è vostro, è vostro !

Convertite al più presto le vostre proprietà in oro, perchè saranno protette da un valore universale. Dal primo gennaio 2013 esiste un sistema che trovate gratuito a www.promogold.com che offre deposito senza costi in tutti i 8092 comuni d’Italia. Serve a scambiare, acquistare e vendere oro da un grammo.
Inserisci un commento

Nome:
E-mail: (facoltativo)



Digitare i seguenti caratteri:
Security Image


| Dimenticami
Content Management Powered by CuteNews

 

Cerca sul Blog

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter del Blog

 

Inserisci il tuo indirizzo Email:



Vorrei ricevere informazioni circa:
Tutto
Cultura
Economia
Leggere Orme
Politica

Ultimi Commenti
 
pasquale [17/01/2015] scrive: ma cosa stai dicendo? ma che italiano è il tuo? Vai al post

claudio [15/01/2015] scrive: Arricchire le banche? 20.000. 000 di pensionati potrebbero farne a meno: figurati come sono contente le banche.
Hai una pallida idea di quanto costi stampare e coniare moneta? Si parla dello 0,70% del pil :fatti due conti. Naturalmente paghiamo noi; altro che transazioni tracciabili.Da ultimo lo Stato potrebbe farsi carico dei costi del pos. Come vedi non hai poi le idee così chiare. Vai al post

Gianni [26/12/2014] scrive: Concordo totalmente con Fabio e tutti i cittadini coscienti dei DANNI DELL'EURO ! Una disgraziata alleanza dei baroni del globo che tramite i loro SERVI SOTTOMETTONO L'ECONOMIA UCCIDENDO IL POPOLO ! I PERICOLOSI SERVI SONO LA MERKEL , DRAGHI, MONTI E LA BANDA ITALIOTA con Renzino "Superciuk" che fa il braccio e i ladroni insediati . La Germania si trova in una posizione favorevole per scelta degli USA data la sua collocazione geografica nevralgica con la Russia ; ma nell'analisi dell'espansionismo bisogna mettere i rapporti con le nuove supurpotenze . Solo il ripristino delle sovranità nazionali può riequilibrare l'economia globale armonizzando gli oneri . Pertanto questo tipo di Europa unita è solo un esproprio economico a danno dei paesi privi di fonti energetiche FOSSILI che devono essere azzerate per non permettergli di SVILUPPARE LE FONTI ENERGETICHE PULITE CHE LE RENDEREBBERO AUTONOME SULLA PRODUZIONE E LIBERE DAL GIOGO DEI "BURATTINAI GLOBALI" di cui questa Europa è solo UNA COLONIA ! Vai al post

giuseppe [24/12/2014] scrive: Gentile Pasquale, grazie per gli auguri e in più vorrei inserire questo commento In risposta al tuo articolo sull'economia giapponese. Tu dici che il paese del sol levante stia facendo una politica keynesiana solperche abbia svalutato lo yen emettendo carta moneta per l'acquisto di bond americani. La teoria di keynes diceva invece emettere carta moneta per effettuare opere pubbliche, in tale modo si crea un circolo virtuoso che crea più domanda interna e da l'avvio alla ripresa. Queste politiche vennero denominate "anticicliche. Il grande errore secondo me è il tentativo di generare crescita utilizzando strumenti finanziari, ma questo non porta occupazione ne aumento della domanda interna ma solo una migliore competitività sulle esportazioni. Il bello di tutto ciò è che malgrado i prezzi dei prodotti giapponesi siano scesi ancora non sono competitivi sul mercato e quindi continua la recessione. Cooncludo dicendo che forse il Giappone avrebbe fatto meglio ad utilizzare quelle risorse nella ricerca per restare sempre un passo avanti e poter imporre i propri prezzi come fanno i tedeschi. Vai al post

dna [18/12/2014] scrive: Mi piacerebbe tanto che fosse come dice lei. Ma sono convinto che stiano in maggioranza aspettando un leader autoritario che gli garantisca le promesse statosocialiste.
Quando arrivera' il grande default sara' anche un default mentale per mooltissimi. Voviamo ancora nel Novecento. Rischiano di trovarlo il leader autoritario. Forse le elite lo tengono in sonno. Vedremo. Vai al post

Le Battaglie del Blog

 

Contante Libero

 

I Portali del Blog

 

Ultimi post inseriti:

Un misuratore di dolore
Che forma ha l'amore?
I nostri eroi

Link Amici
 
Segui il blog:
EconoMia & Finanza
LunarPages.com
CutePHP.com
Altervista.org
Histats.com
OkNotizie.Alice.it
Segnalo.Alice.it
Fai.Informazione.it
Meemi.com
RuvoDiPugliaWeb.it
PortfolioMagazine.it
RischioCalcolato.it
WallStreetItalia.com
Trend-OnLine.com
Facebook/Bloggeritalia
BorsaWeb.altervista.org
ContanteLibero.it
Diggita  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
Liquida 
Aggregatore 
Blog Directory 
Top 100 Blog 
http://www.wikio.it 
 

 

© 2008-2015 MarneviBlog 1.5 by Pasquale Marinelli - Tutti i diritti sono riservati | Designed by Pasquale Marinelli | Diffusione dei contenuti | Privacy |
loghi creati il 24/04/2011 | ® registrati il 06/06/2011 | pubblicati il 06/06/2011 | Autore: Pasquale Marinelli | © Titolare del copyright: Pasquale Marinelli | Limiti di utilizzo

 

facebook