REGISTRATI   LOG IN
twitter google+ rss
  Home | Chi sono | Leggere Orme | Contatti | Plugin | Help |
  sito di Cultura Economica
 
 

Categorie > Tutti i post | Cultura | Economia | Politica | Comunicazioni

 
stampa MPS e le fondazioni bancarie

convention.jpg

Lunedì, a Bologna, si è tenuta la convention per il Contante Libero. Io c'ero e sono intervenuto assieme agli altri blogger che sostengono la campagna per il libero uso del contante.

Il mio contributo alla serata ha riguardato il tema delle fondazioni bancarie e dell'allarmante rapporto che in Italia intercorre fra politica e banche, il quale produce sperimentazioni sociali, uniche al mondo, come quello di privare i cittadini del libero possesso del denaro contante.

Quello delle fondazioni bancarie è un argomento attualissimo; pensate solo al recente scandalo riguardante l'istituto di credito italiano Monte dei Paschi di Siena, che lo vede coinvolto in una situazione di mala gestione. Di questa vicenda, dalla quale nei prossimi mesi dovremo aspettarci delle belle, solo due cose sono certe:

-          che l'ingerenza dei partiti nelle banche è più viva che mai

-          che i danni e le perdite prodotti da tale intreccio non li pagano i responsabili, bensì gli ignari cittadini

Il mezzo con cui oggi i partiti politici italiani controllano gli istituti bancari è quello costituito dalle fondazioni. Esse sono enti "mostro" che la legge definisce essere di natura privata e senza scopo di lucro. Le fondazioni bancarie godono di ampia autonomia gestionale e statutaria e la loro attività è finalizzata al raggiungimento di obiettivi di utilità sociale. Intenti nobili questi, ma le fondazioni bancarie sono anche altro. In realtà, esse sono cellule politicizzate, periferiche dei grandi partiti nazionali, le quali di fatto influiscono sulle decisioni gestionali delle banche ad esse partecipate, spesso controllandole e guidandole al raggiungimento di obiettivi di matrice tutt'altro che di buona gestione.

Fino al 1990, le banche italiane erano pubbliche. Esse, non solo raccoglievano i risparmi e gestivano il credito, ma erano enti finalizzati a funzioni sociali e il reddito da esse prodotto era indirizzato allo sviluppo sociale, su decisione dei partiti i quali si avvicendavano alla guida di esse. Erano gli anni della prima repubblica e questo consolidato rapporto incestuoso fra politica e banca produsse la vergogna che noi tutti conosciamo, fatta di tangenti e corruzione.

Per mettere fine alle indecenze della prima repubblica, l'Italia fu costretta a recepire una direttiva della comunità europea, che imponeva ai singoli stati membri di privatizzare il sistema bancario.

Per la corrotta politica italiana, ciò rappresentava una seria minaccia al controllo che essa ha sempre esercitato nei confronti delle banche, agevolati proprio dal fatto che le banche fossero enti pubblici e quindi sotto il controllo statale.

Con la legge Amato (L. 218/1990), le banche pubbliche furono privatizzate e trasformate da enti pubblici a società per azioni. In pratica, le banche pubbliche italiane venivano scorporate: da una parte si creava l'istituto di credito vero e proprio, operante sotto la compagine di S.p.A. e orientata al profitto, dall'altra si creava la fondazione bancaria, alla quale lo stato affidava le azioni delle neonate banche private, con l'obbligo di detenerne il controllo assoluto, percependone così i dividendi in ragione della quota di capitale posseduta, senza che essa interferisse con la gestione dell'attività creditizia della banca controllata e destinando i redditi così realizzati per promuovere lo sviluppo sociale.

In pratica, la legge Amato recepì il dettato della comunità europea, col quale si chiedeva un sistema bancario privatizzato. Ma in Italia ciò fu fatto solo in maniera formale. Le banche italiane, seppur trasformate in S.p.A., continuavano ad essere controllate da enti pubblici: della neonate fondazioni bancarie.

Questo aborto normativo è alla base dell'attuale cordone che lega ancora la politica italiana ad alcune delle più importanti banche italiane. E non sono stati sufficienti gli interventi normativi successivi alla legge Amato per risolvere un simile vizio.

Infatti, 4 anni dopo, con la legge Dini (L. 474/1994), le fondazioni furono obbligate a dismettere le proprie partecipazioni negli istituti di credito a cui facevano riferimento, per portarle al di sotto del 50%. Nel 1998 la legge Ciampi (L. 461/1998) definisce le fondazioni come soggetti di diritto privato non profit, senza scopo di lucro e aventi ampia autonomia gestionale e statutaria.

Si osservi il questo grafico. La Fondazione Monte dei Paschi di Siena possiede il 34,9% del capitale dell'istituto bancario senese, quota sufficiente questa per poterlo controllare. Stessa cosa dicasi per la fondazione Compagnia di San Paolo che, con appena il 9,7% del capitale posseduto, controlla Intesa-San Paolo assieme ad altre due fondazioni: Fondazione Cariplo e Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. Inoltre, si noti come, a titolo d'esempio, la fondazione Cassa di Risparmio di Asti detenga ancora una quota di partecipazione della banca di riferimento superiore al 50%. Questo perché nel 2003, attraverso il D.L. 143/2003, si eliminò l'obbligo di dismettere le partecipazioni di controllo superiori al 50%, qualora le fondazioni dichiarassero un patrimonio netto contabile inferiore ai 200 milioni di euro, oppure se operanti nelle regioni a statuto speciale. Per questo oggi sono ben 15 su 88 le fondazioni che detengono ancora un pacchetto di maggioranza assoluta nelle rispettive banche di riferimento.

Attualmente, lo statuto di quasi tutte le fondazioni bancarie prevedono che la nomina dei rappresentanti nei relativi consigli di indirizzo siano nominati prevalentemente da enti pubblici. Nonostante la legge permetta alle fondazioni di modificare in completa autonomia le regole statutarie, quelle relative all'elezione dei rappresentanti non sono mutate in modo significativo rispetto agli anni novanta. Questo perché la politica ha ormai piantato le proprie radici nelle fondazioni bancarie ed essa non ha alcun interesse a perdere il privilegio di poter controllare una banca attraverso la relativa fondazione.

Osservate quest'altro grafico. Come potete notare, tra le più importanti fondazioni bancarie, la concentrazione di ex politici nei consigli di indirizzo è altissima. E' un segno questo che i cosiddetti "trombati" dei partiti politici finiscono per essere segnalati e poi nominati a cariche così delicate ed influenti.

Dunque, dopo 20 anni dalla riforma del sistema bancario italiano, il controllo della banche da parte dello stato è ancora esistente, con più ostacoli rispetto agli anni '90, ma comunque una pericolosa realtà ancora esistente, grazie ad un viziato impianto normativo che maschera, con una mera formalità, una vergognosa verità.

Ora io vi chiedo, alla luce di tutto questo, potranno mai questi consiglieri, ex politici, nominati da enti pubblici e indicati da partiti politici, avere come obiettivo principale quello di rispondere dell'efficienza gestionale delle banche controllate?

Ancora vi chiedo, siamo sicuri che questi consiglieri rispondano sui risultati gestionali delle banche controllate e non, invece, sulla base della loro fedeltà politica?

E infine, queste fondazioni possono assicurare un sano apporto di capitale proprio nelle banche controllate?

Lo sterile dibattito italiano sulla faccenda del Monte Paschi di Siena, che punta i riflettori sul ruolo delle fondazioni bancarie, non si pone simili quesiti, ma si concentra sulla superficiale questione della presunta mancanza di controlli sull'attività dell'istituto senese.

Innanzitutto, quella del Monte dei Paschi di Siena non è un caso isolato. Illuso chi ci crede e farabutto colui che induce a crederlo. Tutte le banche partecipate alle fondazioni bancarie subiscono questo vizio normativo.

Si deve comprendere che il problema non consiste nella mancanza di controlli ma nel viziato assetto proprietario che la legge disegna per il sistema bancario italiano. Questo assetto proprietario dà i natali a manager del credito non qualificati, che rispondono ad una corrente di partito e non ai clienti della banca che essi dirigono. Questi manager compiono spericolate operazioni finanziarie al solo scopo di favorire gli interessi dei partiti, che piazzando i propri uomini nelle fondazioni, li hanno nominati a dirigere i risparmi di milioni di cittadini. I partiti, si sa, necessitano di ottenere finanziamenti per i lavori pubblici da assegnare ai loro amici, o per promuovere progetti culturali e sociali di dubbia efficienza ed utilità, al solo scopo di raccattare voti. Purtroppo, la possibilità di influire sul processo decisionale di una banca è un punto strategico per un partito politico il quale voglia mantenere una posizione di rilievo su scala nazionale.

Ma gestire una banca in condizioni simili, al lungo andare, significa ammalarla (vedi i recenti casi di Unicredit e Monte dei Paschi di Siena) e danneggiare i risparmi dei propri clienti.

La vergogna della prima repubblica italiana (tutta fatta di tangenti e corruzione) è stata ereditata dalla seconda repubblica proprio attraverso la sopravvivenza di un tale assetto proprietario bancario, di fatto pubblico, attraverso lo strumento delle fondazioni. Queste hanno ricevuto in regalo le quote di partecipazione degli istituti di credito, finanziate sino al 1990, con i soldi dei contribuenti italiani. Le fondazioni hanno un  potere enorme grazie ai soldi degli italiani. E non apportano nulla, dal proprio patrimonio, negli istituti di credito di riferimento. Anzi, esse sottraggono capitali da essa.

Le fondazioni bancarie sono enti blindatissimi. Il loro controllo, a differenza delle società quotate sui mercati, non può mai essere acquisito attraverso operazioni di scalata da parte di altri soggetti, perché il patrimonio di una fondazione è indivisibile per legge. A differenza degli altri enti pubblici, che gestiscono la cosa pubblica, i rappresentanti delle fondazioni non sono votati da nessun cittadino ma soltanto indicati da esponenti di quel partito il quale sia in grado di sfruttare il potere attribuito a taluni enti pubblici di nominare gli amministratori delle fondazioni bancarie. L'unico modo per influenzare le decisioni gestionali di una fondazione bancaria, senza l'uso della violenza, è quello di convincere o corrompere gli enti che nominano gli amministratori delle fondazioni.

Questo è la fogna da cui sgorga il marcio del "sistema Italia".

E' immediato dedurre che le fondazioni bancarie, cosi come oggi esse sono, andrebbero eliminate. Qualcuno propose di tassarle. Perché no? Si tassano gli onesti cittadini, non si può tassare questo covo di farabutti?

Il leader della coalizione di centro sinistra ha dichiarato che sarebbe necessaria una patrimoniale sui grandi patrimoni dei cittadini. Che si applichi una patrimoniale sulle fondazioni bancarie. Sarebbe l'unica tassa patrimoniale che in un colpo solo:

-          non intaccherebbe il risparmio reale del paese e non influirebbe sulla fuga dei capitali all'estero. Il patrimonio delle fondazioni è frutto di una gestione finanziaria, mica da una decisione di minore consumo del singolo individuo!

-          le fondazioni alleggerirebbero le loro partecipazioni negli istituti di credito di riferimento, perché non più convenienti, dando spazio a soggetti più predisposti a servire meglio la collettività

-          sarebbe l'inizio della fine dei privilegi di potere.

Lo so, è solo una farneticazione questa; in effetti, si è mai visto colui che può tassare gli altri, tassare sé stesso?

Firma per il Contante Libero







0 Commenti
Postato il 12/02/2013 da Pasquale Marinelli nella categoria Economia


Inserisci un commento

Nome:
E-mail: (facoltativo)



Digitare i seguenti caratteri:
Security Image


| Dimenticami
Content Management Powered by CuteNews

 

Cerca sul Blog

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter del Blog

 

Inserisci il tuo indirizzo Email:



Vorrei ricevere informazioni circa:
Tutto
Cultura
Economia
Leggere Orme
Politica

Ultimi Commenti
 
dna [18/12/2014] scrive: Mi piacerebbe tanto che fosse come dice lei. Ma sono convinto che stiano in maggioranza aspettando un leader autoritario che gli garantisca le promesse statosocialiste.
Quando arrivera' il grande default sara' anche un default mentale per mooltissimi. Voviamo ancora nel Novecento. Rischiano di trovarlo il leader autoritario. Forse le elite lo tengono in sonno. Vedremo. Vai al post

pasquale [30/11/2014] scrive: gentilissimo sig. Vito, portare i soldi all'estero è LEGALISSIMO. Lo può fare qualunque cittadino. Almeno, per ora!
Purché dichiari periodicamente allo stato l'entità dei suoi depositi all'estero nella propria dichiarazione dei redditi e ne giustifichi la provenienza.
Se invece il cittadino non è più residente in Italia, non ha quest'obbligo.
Resto a disposizione per ulteriori approfondimenti in merito. Vai al post

vito [26/11/2014] scrive: Premesso: non sono un economista.
Domanda: la Fiat si è trasferita all'estero (penso secondo "la libera circolazione dei capitali"). Può allora un cittadino italiano portare soldi all'estero? (Mi sembra di no!)
Conseguenza: la legge non è uguale per tutti?
Grazie per il chiarimento Vai al post

Gian [20/11/2014] scrive: Ma quale fallimento! Non diciamo piddinate!
Se il PIL del Giappone cala non è di certo dovuto alle politiche Keynesiane, anzi!
Leggi qua http://scenarieconomici.it/calo-del-pil-in-giappone-probabili-ripercuss
ioni-negative-in-europa/

Per commentare sti dati bisogna anche aver un po' di cognizione di causa. Vai al post

Luca [20/11/2014] scrive: mi viene da pensare...se le politiche neokeybesiane non vanno...neoclassici e seguaci di chicago altrettanto (perlomeno dalle nostre parti in europa, ma anche in america non sono tutte rose e fiori) visti i risultati di questi ultimi anni a che santo bisogna votarsi?!?!? La crisi che stiamo vivendo ha sicuramente mandato "in crisi" molte teorie economiche che andrebbero sicuramente ripensate. Vai al post

Le Battaglie del Blog

 

Contante Libero

 

I Portali del Blog

 

Ultimi post inseriti:

Un misuratore di dolore
Che forma ha l'amore?
I nostri eroi

Link Amici
 
Segui il blog:
EconoMia & Finanza
LunarPages.com
CutePHP.com
Altervista.org
Histats.com
OkNotizie.Alice.it
Segnalo.Alice.it
Fai.Informazione.it
Meemi.com
RuvoDiPugliaWeb.it
PortfolioMagazine.it
RischioCalcolato.it
WallStreetItalia.com
Trend-OnLine.com
Facebook/Bloggeritalia
BorsaWeb.altervista.org
ContanteLibero.it
Diggita  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
Liquida 
Aggregatore 
Blog Directory 
Top 100 Blog 
http://www.wikio.it 
 

 

© 2008-2014 MarneviBlog 1.5 by Pasquale Marinelli - Tutti i diritti sono riservati | Designed by Pasquale Marinelli | Diffusione dei contenuti | Privacy |
loghi creati il 24/04/2011 | ® registrati il 06/06/2011 | pubblicati il 06/06/2011 | Autore: Pasquale Marinelli | © Titolare del copyright: Pasquale Marinelli | Limiti di utilizzo

 

facebook