REGISTRATI   LOG IN
twitter google+ rss
  Home | Chi sono | Leggere Orme | Contatti | Plugin | Help |
  sito di Cultura Economica
 
 

Categorie > Tutti i post | Cultura | Economia | Politica | Comunicazioni

 
stampa "Le Vent Nous Portera" di Noir Désir

vento.jpg

(Guarda il video)

Questo vento ci porterà lontani. Porterà via l'odore che ristagna nei luoghi chiusi, porterà via le cose, le persone, gli eventi, quelli che non stanno ben appigliati saldi saldi al terreno, a noi, al nostro cuore.
Quel vento che sa di cambiamento che ha in sè tutta la potenza del possibile in quel momento, in quell'istante.
E domani sembrerà tutto nuovo, tutto diverso, perchè il vento ci avrà puliti dentro.

Il vento sa raccontare le storie più belle a chi le sa ascoltare e custodire, parla con rabbia e forza, dando all'aria, così impalpabile, consisenza e odore. Gli odori lontani, gli odori a cui vorremmo giungere, gli odori che ci mancano.

Sento che le nuvole stanno viaggiando e il cielo sta cambiando, come i miei pensieri che desiderano il mare, e volano per raggiungerlo.

Vento di sale
Vento e bufera
Vento di sogni
polvere e stelle
Vento di sabbia
che brucia la pelle
Vento che canti
Che suoni e sussurri
Porta lontano
i miei sogni notturni.

Annalisa Berardi (Guarda il video)







1 Commenti
Postato il 06/03/2013 da Annalisa Berardi nella categoria Musica


Annalisa [06/03/2013 05:53] scrive:
...e come tutti i cambiamenti...fa paura....
Inserisci un commento

Nome:
E-mail: (facoltativo)



Digitare i seguenti caratteri:
Security Image


| Dimenticami
Content Management Powered by CuteNews

 

Cerca sul Blog

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter del Blog

 

Inserisci il tuo indirizzo Email:



Vorrei ricevere informazioni circa:
Tutto
Cultura
Economia
Leggere Orme
Politica

Ultimi Commenti
 
pasquale [17/01/2015] scrive: ma cosa stai dicendo? ma che italiano è il tuo? Vai al post

claudio [15/01/2015] scrive: Arricchire le banche? 20.000. 000 di pensionati potrebbero farne a meno: figurati come sono contente le banche.
Hai una pallida idea di quanto costi stampare e coniare moneta? Si parla dello 0,70% del pil :fatti due conti. Naturalmente paghiamo noi; altro che transazioni tracciabili.Da ultimo lo Stato potrebbe farsi carico dei costi del pos. Come vedi non hai poi le idee così chiare. Vai al post

Gianni [26/12/2014] scrive: Concordo totalmente con Fabio e tutti i cittadini coscienti dei DANNI DELL'EURO ! Una disgraziata alleanza dei baroni del globo che tramite i loro SERVI SOTTOMETTONO L'ECONOMIA UCCIDENDO IL POPOLO ! I PERICOLOSI SERVI SONO LA MERKEL , DRAGHI, MONTI E LA BANDA ITALIOTA con Renzino "Superciuk" che fa il braccio e i ladroni insediati . La Germania si trova in una posizione favorevole per scelta degli USA data la sua collocazione geografica nevralgica con la Russia ; ma nell'analisi dell'espansionismo bisogna mettere i rapporti con le nuove supurpotenze . Solo il ripristino delle sovranità nazionali può riequilibrare l'economia globale armonizzando gli oneri . Pertanto questo tipo di Europa unita è solo un esproprio economico a danno dei paesi privi di fonti energetiche FOSSILI che devono essere azzerate per non permettergli di SVILUPPARE LE FONTI ENERGETICHE PULITE CHE LE RENDEREBBERO AUTONOME SULLA PRODUZIONE E LIBERE DAL GIOGO DEI "BURATTINAI GLOBALI" di cui questa Europa è solo UNA COLONIA ! Vai al post

giuseppe [24/12/2014] scrive: Gentile Pasquale, grazie per gli auguri e in più vorrei inserire questo commento In risposta al tuo articolo sull'economia giapponese. Tu dici che il paese del sol levante stia facendo una politica keynesiana solperche abbia svalutato lo yen emettendo carta moneta per l'acquisto di bond americani. La teoria di keynes diceva invece emettere carta moneta per effettuare opere pubbliche, in tale modo si crea un circolo virtuoso che crea più domanda interna e da l'avvio alla ripresa. Queste politiche vennero denominate "anticicliche. Il grande errore secondo me è il tentativo di generare crescita utilizzando strumenti finanziari, ma questo non porta occupazione ne aumento della domanda interna ma solo una migliore competitività sulle esportazioni. Il bello di tutto ciò è che malgrado i prezzi dei prodotti giapponesi siano scesi ancora non sono competitivi sul mercato e quindi continua la recessione. Cooncludo dicendo che forse il Giappone avrebbe fatto meglio ad utilizzare quelle risorse nella ricerca per restare sempre un passo avanti e poter imporre i propri prezzi come fanno i tedeschi. Vai al post

dna [18/12/2014] scrive: Mi piacerebbe tanto che fosse come dice lei. Ma sono convinto che stiano in maggioranza aspettando un leader autoritario che gli garantisca le promesse statosocialiste.
Quando arrivera' il grande default sara' anche un default mentale per mooltissimi. Voviamo ancora nel Novecento. Rischiano di trovarlo il leader autoritario. Forse le elite lo tengono in sonno. Vedremo. Vai al post

Le Battaglie del Blog

 

Contante Libero

 

I Portali del Blog

 

Ultimi post inseriti:

Un misuratore di dolore
Che forma ha l'amore?
I nostri eroi

Link Amici
 
Segui il blog:
EconoMia & Finanza
LunarPages.com
CutePHP.com
Altervista.org
Histats.com
OkNotizie.Alice.it
Segnalo.Alice.it
Fai.Informazione.it
Meemi.com
RuvoDiPugliaWeb.it
PortfolioMagazine.it
RischioCalcolato.it
WallStreetItalia.com
Trend-OnLine.com
Facebook/Bloggeritalia
BorsaWeb.altervista.org
ContanteLibero.it
Diggita  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
Liquida 
Aggregatore 
Blog Directory 
Top 100 Blog 
http://www.wikio.it 
 

 

© 2008-2015 MarneviBlog 1.5 by Pasquale Marinelli - Tutti i diritti sono riservati | Designed by Pasquale Marinelli | Diffusione dei contenuti | Privacy |
loghi creati il 24/04/2011 | ® registrati il 06/06/2011 | pubblicati il 06/06/2011 | Autore: Pasquale Marinelli | © Titolare del copyright: Pasquale Marinelli | Limiti di utilizzo

 

facebook