REGISTRATI   LOG IN
twitter google+ rss
  Home | Chi sono | Leggere Orme | Contatti | Plugin | Help |
  sito di Cultura Economica
 
 

Categorie > Tutti i post | Cultura | Economia | Politica | Comunicazioni

 
stampa L'Italia malata: è grave

dotti.jpg

(Guarda il video)

L’Italia è malata. I mercati finanziari vanno a gonfie vele mentre l’economia reale va a rotoli. Le tv si collegano con le borse per sapere come va ma non si collegano con la gente comune, nei mercati rionali, nei negozi. Finanza ed economia sono ormai due mondi diversi. Ci si preoccupa del primo e poco del secondo. Eccovi riassunti i risultati delle analisi sullo stato di salute del nostro paese: il debito pubblico è quasi giunto al 130% del Pil; molti degli enti locali sono in dissesto finanziario; oltre al debito pubblico ufficialmente divulgato, lo stato italiano ha debiti nei confronti delle aziende per qualcosa come 140 miliardi di euro; l'INPS ha un deficit di oltre 10 miliardi di euro (le pensioni delle nuove generazioni che oggi si affacciano al mondo del lavoro non sono più garantite). Inoltre, da uno studio di Unimpresa, tre aziende su cinque si indebitano con le finanziarie per pagare le tasse; dal 2007 al 2012 il Pil è crollato del 7%, la disoccupazione è superiore all'11%, quella giovanile arriva addirittura oltre il 38%. Il tutto, senza considerare i precari. Le ore richieste per la cassa integrazione ordinaria aumentano del 4,7% rispetto al mese scorso e del 28,6% rispetto ad un anno fa. La cassa integrazione straordinaria aumenta del 50,6% rispetto a 12 mesi fa. Il nostro è uno stato di lungodegenza e il prossimo governo, cari italiani, sarà chiamato non per gestire la ripresa economica ma per gestire il suo default. Gli interessi degli organi decisori dell’Europa e di coloro che vantano ingenti crediti dallo stato italiano consistono nel limitare il più possibile i danni ad essi causati dalla mala gestione del nostro stato, incapace ormai di autodisciplinarsi, la cui caduta può contagiare i paesi di tutta la zona euro. L’Europa si affanna per consigliare (si fa per dire), ad una Italia degente, le cure necessarie da adottare, i trattamenti di austerità da somministrare. Sono tutti riuniti al suo capezzale per capire come isolare i suoi malanni, affinché non faccia danni ulteriori ai paesi ad essa confinanti. Qual’è la vera soluzione? Guardate il video che ho realizzato con la canzone “Dotti, medici e sapienti” di Eduardo Bennato. Alla fine del brano l’autore grida l’estrema soluzione possibile, prima che sia troppo tardi. Sentitela, è divertentissima.







0 Commenti
Postato il 09/03/2013 da Pasquale Marinelli nella categoria Comunicazioni


Inserisci un commento

Nome:
E-mail: (facoltativo)



Digitare i seguenti caratteri:
Security Image


| Dimenticami
Content Management Powered by CuteNews

 

Cerca sul Blog

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter del Blog

 

Inserisci il tuo indirizzo Email:



Vorrei ricevere informazioni circa:
Tutto
Cultura
Economia
Leggere Orme
Politica

Ultimi Commenti
 
Martina77 [30/10/2014] scrive: Gli italiani hanno memoria cortissima: quando esco neppure ricordano del governo Letta,figuriamoci del 1992,da dove tutto è partito (e l'Euro non c'era).A questo punto della situazione il ritorno ad un'altra valuta sarebbe una incognità asssoluta,forse perché il tutto andava previsto molto prima e non adesso,ma prima andava bene a tutti.
A volte,sentendo certi discorsi mi sento disorientata: la gente non pensa,ripete. Vai al post

Martina77 [30/10/2014] scrive: @Fabry...non so che lavoro faccia lei,ma si guardi i rapporti ocse anni 90';l'Italia nel 1992-98 non era affatto la settima potenza c'era crisi a non finire,neppure nel 2001,lei sogna,eppure c'era la Lira.
Non sono una pro-euro,ma quando mi sentivo di criticarlo ciioè nel 2003,venivo additata come quella che rompeva sempre i.....,da tutti compreso dai leghisti farlocchi che dopo non aver fatto nulla per contrastare l'immigrazione,adesso con dementi patentati e falsi economisti si ergono a "no euro". Vai al post

pasquale [29/10/2014] scrive: ATTENZIONE cari lettori. Questo mio post non vuole essere un elogio dell'euro (assolutamente no).

Ho scritto tutto il blog schierandomi CONTRO L'EURO. In questo stesso post critico ancora una volta l'euro per aver dato l'occasione ai delinquenti che ci governano di nascondere i problemi che hanno provocato anziché di risolverli! Che cavolo!

Nel post non è in discussione l'abbandono dell'euro; è anche mia opinione che ne dovremmo uscire, laddove si potesse scegliere come opzione o si potesse non condividere con gli altri stati membri il destino a noi riservato (così come ha già detto Gio).

Qui è mia intenzione discutere l'ALTERNATIVA proposta dai più del RITORNO ALLA LIRA; nel post metto in discussione il fatto di "ballare" da una VALUTA FIAT ad un'altra, cosa che per me non è una condizione sufficiente per risolvere i problemi economici dell'Italia.

Sono contro le VALUTE FIAT, di conseguenza sono contro l'euro e contro la lira, che sono entrambe valute fiat e che entrmbe nutrono il germe che corrompe il denaro e la sua funzione indispensabile nell'economia Vai al post

Fabry [28/10/2014] scrive: L'Italia i prodotti li fà! Vai al post

Gio Tomei [28/10/2014] scrive: Sull'Euro, il problema di scegliere non si pone. Il destino tra i Paesi è comune. E poi, l'Otalia, nelle condizioni in cui è ridotta che ha per competere? E se fosse solo il turismo, con quel che varrebbe la lira, regaleremmo a poco e all'insufficineza anche l'unico settore che da soli potremmo provare a "vendere". Poi, il mondo a blocchi di oggi e di domani mattina che spazio darebbe alla barchetta piena di buchi e "pezze a colore" (come si dice a Napoli) dell'italica penisola. Non ne parliamo più, è fiato sprecato: resta la politica elettiva, non questa, come strumento. E qui si reinserisce la banca no profit. Ma che c'entra la riserva frazionaria? A scopo unico e no profit su regole stringenti da statuto e regolamenti occorre valutare la certezza della restituzione del debito e il valore dato anche ad un piccolo aumento della capacità di consumi sulla numnerosità della platea. Si tratta di servizio e non di profitto, ma occorre avere ego altruistico per comprendere visione e prospettiva. Buona vita Vai al post

Le Battaglie del Blog

 

Contante Libero

 

I Portali del Blog

 

Ultimi post inseriti:

Un misuratore di dolore
Che forma ha l'amore?
I nostri eroi

Link Amici
 
Segui il blog:
EconoMia & Finanza
LunarPages.com
CutePHP.com
Altervista.org
Histats.com
OkNotizie.Alice.it
Segnalo.Alice.it
Fai.Informazione.it
Meemi.com
RuvoDiPugliaWeb.it
PortfolioMagazine.it
RischioCalcolato.it
WallStreetItalia.com
Trend-OnLine.com
Facebook/Bloggeritalia
BorsaWeb.altervista.org
ContanteLibero.it
Diggita  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
Liquida 
Aggregatore 
Blog Directory 
Top 100 Blog 
http://www.wikio.it 
 

 

© 2008-2014 MarneviBlog 1.5 by Pasquale Marinelli - Tutti i diritti sono riservati | Designed by Pasquale Marinelli | Diffusione dei contenuti | Privacy |
loghi creati il 24/04/2011 | ® registrati il 06/06/2011 | pubblicati il 06/06/2011 | Autore: Pasquale Marinelli | © Titolare del copyright: Pasquale Marinelli | Limiti di utilizzo

 

facebook