REGISTRATI   LOG IN
twitter google+ rss
  Home | Chi sono | Leggere Orme | Contatti | Plugin | Help |
  sito di Cultura Economica
 
 

Categorie > Tutti i post | Cultura | Economia | Politica | Comunicazioni

 
stampa Abolizione del contante: idiozia all'italiana

lucchetto.jpg

Benjamin Franklin diceva: "chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza". Continuo ad imbattermi in discorsi con italiani i quali sono favorevoli all'abolizione dell'uso del contante, perché secondo essi questa sarebbe la soluzione per combattere l'evasione fiscale. Ve lo ripeto:

- la grande evasione non si fa con i contanti ma esportando i capitali all'estero, attraverso la costituzione di società off shore in paesi con fiscalità privilegiata;

- le piccole e medie imprese, che costituiscono la maggiorparte dell'economia italiana, non evadono con i contanti, ma falsando i bilanci (aumentando fittiziamente le scorte di magazzino, agendo sulla svalutazione dei crediti, schermandosi con gli studi di settore fornendo false informazioni, attraverso l'acquisizione di fatture false) e nascondendo i redditi ricorrendo ai prestanomi;

- la criminalità organizzata evade facendo uso anche del contante; è vero! Ma la criminalità opera facendo uso anche dei motorini per gli scippi, delle automobili per gli spostamenti e le fughe, dei cellulari per comunicare, ecc.. Cosa facciamo? Analogamente, aboliamo anche l'uso dei motorini, delle automobili, dei cellulari, ecc.?

- non è vero che le tasse aumentano a causa dell'evasione fiscale. Dal 2000 le entrate erariali sono aumentate assieme alla pressione fiscale e, nonostante il recupero delle imposte evase (cosa di cui l'agenzia fiscale si vanta tanto), le tasse aumentano ancora.

Si evade perché il livello di tassazione italiano è insopportabile. Quindi le soluzioni da discutere sono quelle relative alla riduzione della pressione fiscale e non all'abolizione del libero uso del contante. Su, via, Italiani!

L'evasione fatta grazie al contante contribuisce minimamente al totale dell'evasione fiscale (leggi qui). Usando liberamente il contante, i cittadini sono in grado di difendere il frutto del proprio lavoro da un sistema fiscale che da legittimo è diventato abusivo. Molte famiglie riescono a sopperire ai servizi scadenti che lo stato eroga vergognosamente grazie alla possibilità di nascondere al fisco quei pochi centesimi che fanno la differenza perché esse possano servirsi diversamente, in termini più dignitosi di quanto lo stato non riesca ad offrire. Se ci togliessero il libero uso del contante, perderemmo l'ultima libertà rimasta per poterci difendere dalle eccessive pretese di uno stato già fallito, che ha come scopo quello di confiscare ingiustamente i redditi dei suoi cittadini e non quello di difendere la loro libertà.

Purtroppo, devo anche prendere atto che una buona parte degli italiani sarebbe ancora disposta a rinunciare alla propria libertà in cambio della sicurezza che lo stato dice di voler garantire. In questo caso, non ci sarebbe verso, avrebbe proprio ragione Franklin!







24 Commenti
Postato il 16/09/2013 da Pasquale Marinelli nella categoria Economia


pasquale [27/07/2016 07:19 am] scrive:
Le banche le abbiamo inventate perché fungessero da deposito di beni merci (metalli preziosi, principalmente), proprio perché circolassero le rappresentative note di banco (il denaro contante, appunto).
Studia meglio Claudio, perché articoli come questo sono la prova schiacciante che non tutti vogliono rimanere nell'ignoranza dilagante. Ignoranza dilagante di cui il tuo commento ne è purtroppo una prova schiacciante.
claudio [24/07/2016 11:13 am] scrive:
Abbiamo inventato le banche per non circolare con il denaro. Eravamo i primi siamo oggi indietro come le palle dei cani e l'articolo ne è prova schiacciante. Ps. Sarà mica casuale che abbiamo il record dei pagamenti in contanti e il record dell'evasione fiscale.
claudio [29/06/2016 11:08 am] scrive:
C'è qualcuno che potrebbe dirmi quanto costa stampare e coniare moneta nella UE e in Italia?
domenico [04/12/2015 07:27 pm] scrive:
Caro sig. Marinelli,
La libertà delle coscienza, c'entra eccome, ed è quella per cui, tanto per fare un esempio, di fronte ad una situazione che non condividiamo, siamo disposti per convenienza personale a non esprimere un nostro libero pensiero.
Forse Benjamin Franklin, era a quella "libertà" che si riferiva, non a quella di come uno spende il proprio denaro.
Ad ogni modo la invito a creare un dibattito su questo tema, al quale parteciperei volentieri per confrontarmi con chi come lei, è contrario all'abolizione del contante.
pasquale [04/11/2015 08:33 pm] scrive:
"libertà delle coscienze"? (?) cosa c'entra la coscienza con il concetto di libertà? mah!
E' vero che spesso c'è chi parla di libertà pensando solo alla propria di libertà purché venga soppressa quella altrui. Infatti un esempio sono i cosiddetti "liberali", quei farabutti da cui gli italiani sono vessati e che la maggior parte di essi votano.

Un altro esempio sarebbe costituito da quelli che sono per l'abolizione del contante, i quali parlano di libertà attribuendola a concetti inappropriati o insignificanti (tipo a quello vacuo del "bene comune"), per poi non riconoscerla negli aspetti più pratici, significativi e concreti della vita di una società (ad esempio negli accordi e nelle scelte di scambio fra singoli individui).

Ovviamente, nulla di tutto ciò costituisce lo spirito che contraddistingue il mio pensiero sulla libertà (che è soprattutto quella dallo stato, che probabilmente lei vota o sostiene, caro sig. Domenico; mi corregga se sbaglio!). E non lo è nemmeno quello che riguarda questo post, che prova ad affondare le proprie ragioni nei principi del "buonsenso" e della "libertà" appunto. Principi che, mi spiace prenderne atto, sono molto labili in certi commentatori di questo mio modesto blog.
domenico [02/11/2015 03:44 am] scrive:
Caro sig. Marinelli, lasci stare Benjamin Franklin, il quale, parlava di libertà, ma di quella delle coscienze, non di quella che lei, e tanti come lei attribuiscono abusivamente, (e forse, non senza un certo interesse) al contante.
Al termine libertà, fà ricorso spesso, chi la vorrebbe usare per fare i suoi porci comodi, infischiandosene di quella degli altri.
carol [03/06/2014 03:12 pm] scrive:
Non ci sono controindicazioni? Lo chiedo anche a te: ma l'articolo l'hai letto, o scrivi sulla tastiera giusto per via di un prurito alle mani?
Abolizione [02/06/2014 11:32 pm] scrive:
C'è una sola categoria che non vuole l'abolizione del contante: gli evasori. Per il resto sono tutti d'accordo, non risolverà tutti i mali ma non ha controindicazioni.
carol [26/05/2014 02:01 pm] scrive:
non si tratta di libertà? ma sei proprio de' coccio!!! ma hai letto cosa c'è scritto nel post?
pino [25/05/2014 08:56 pm] scrive:
Non si tratta di libertà, perchè se sei onesto sei libero anche pagando con la carta di credito. Nessuno mai ti dirà cosa devi acquistare. E' comunque incontrovertibile che l'eliminazone del contante significa eliminazione dell'evasione e di una buona parte dei reati previsti dal c.p. Tutte le operazioni di frode fiscale sui bilanci ecc... poste in essere dai grossi e piccoli imprenditori sono finalizzate ad accumulare fondi neri che, in assenza della circolazione del contante, non permettono gli accumuli nei paradisi fiscali.
soffio [06/03/2014 11:38 am] scrive:
Voler abolire il denaro è da ingenui e superficiali perché colui che si esprime a favore di ciò se la prende con il mezzo (il denaro) e non con l’uso che se ne fa.

Il sistema monetario è il nemico, non il denaro in sé
pasquale [04/03/2014 11:19 pm] scrive:
be' dare del "delinquente" a chi preferisce pagare col contante è un "tantino" azzardato.
Invece io penso che, colui il quale sia a favore dell'abolizione del contante, non solo sarebbe uno STRONZO, ma anche un pietosissimo SCHIAVO non meritevole di alcun tipo di rispetto o compassione :-)
Roberto [01/03/2014 11:59 pm] scrive:
VIA IL CONTANTE, AVANTI LE CARTE ELETTRONICHE CON OPERAZIONI A SPESA ZERO.
Roberto [01/03/2014 11:55 pm] scrive:
Togliere il contante, non combatte solo i furbetti che evadono il fisco, ma si abbatte in parte anche la criminalità organizzata. Chi non è d'accordo all'abolizione del contante, è un deliquente.
pasquale [26/11/2013 02:01 pm] scrive:
grazie Antonella per la segnalazione. Sito molto interessante.. Se anche tu, col tuo blog, vuoi aderire al movimento Contante Libero, non devi fare altro che farmelo sapere ;-)
ANTONELLA [26/11/2013 01:00 pm] scrive:
Mi permetto di segnalarLe il blog, http://abolizionecontante.blogspot.it, nel quale sto cercando di analizzare - sottoponendole ad un rigoroso fact checking- le principali obiezioni alla proposta di abolizione del denaro contante, con contestuale riduzione dell'IRPEF e abolizione dell'IRAP.
pasquale [23/09/2013 08:23 pm] scrive:
la ringrazio per il TROPPO tempo dedicatomi..

"gli italiani sono come le pecore: stanno bene solo se ben tosati"
aerre [23/09/2013 04:05 pm] scrive:
Le scelte citate, che fanno le democrazie avanzate, indotte da cittadini maturi, consapevoli e NON egoisti, aumentano il benessere collettivo. Quelle dei Paesi più arretrati promuovono gli egoismi personali e lobbistici, definendoli impudicamente "LIBERALI", coltivando arretratezza e ignoranza.

Banalizza il termine LIBERTA' al vantaggio del suo "amico meccanico", (non voglio credere sia magari personale), di poter incassare in contanti, decidere se e quanto dichiarare al fisco e se vuole o meno pagare la retta scolastica di suo figlio. Non credo di aver altro tempo da dedicarLe.
pasquale [19/09/2013 03:32 pm] scrive:
caro/a aerre, da lettore del blog, ha tutto lo spazio che vuole per commentare gli argomenti che io pubblico (cosa dice?).

Lei si preoccupa che l'Italia sia fanalino di coda per questa cavolata?
Secondo il mio assunto (se lo rilegga meglio) i paesi da lei citati non si darebbero alcuna zappa sui piedi, perché pagare elettronicamente non gli è stato imposto da nessuno e nessuno (un domani) vieterebbe loro di cambiare strumento di pagamento, se le condizioni economiche dovessero non essere più favorevoli per continuare ad usare il solo pagamento elettronico.

In Italia invece, lei vorrebbe che sia una legge ad imporre il pagamento elettronico senza che i cittadini abbiano la libertà (un domani) di cambiare metodo di pagamento, così come ce l'avrebbero i cittadini dei paesi da lei citati. Secondo il mio assunto, è in questi termini che ci si dà la zappa sui piedi.

essere contrario all'abolizione del contante significa difendere la propria libertà di scelta.

LIBERTA': la conosce questa parola? Se un giorno si dovesse ricordare cosa essa significhi, allora buon per lei!
aerre [19/09/2013 12:27 pm] scrive:
Lo spazio ridotto che lascia agli interlocutori non consente un'adeguata argomentazione, buon per Lei, ma ci provo.
La UK CARD ASSOCIATION dice che l'Italia è all'ultimo posto in Europa per pagamenti elettronici, dietro alla Spagna, in vetta alla classifica c'è la Danimarca seguita da Finlandia e Svezia. Secondo il Suo assunto loro si danno la zappa sui piedi, io penso che noi la zappa la stiamo usando per scavarci la fossa. Il meccanico che si prende 200€ in nero, se abbassassimo l'aliquota, li dichiarerebbe e naturalmente pagherebbe anche, per dire, la mensa scolastica per il figlio nella scuola materna pubblica?
Non si vuole la possibilità che tutti evadano il fisco, anche i dipendenti, ma che tutti paghino le tasse in proporzione al reddito effettivo, non dichiarato. L'idiozia é danese e la furbizia é italica.
roberto [19/09/2013 12:28 am] scrive:
sono assurdi questi italiani! preferiscono castrarsi abolendo il contante piuttosto che pretendere dallo stato una significativa diminuzione delle tasse...
pasquale [19/09/2013 12:16 am] scrive:
@ aerre: i sui riferimenti alle mie parole non sono del tutto esatti. Studi meglio il mio post.

L'aspetto liberale che io difendo è questo: il problema dell'evasione fiscale (fatta dalla gente comune e dalle grandi aziende) si affronta abbassando drasticamente l'incivile pressione fiscale italiana e NON ABOLENDO L'USO DEL CONTANTE, che è una cosa puerile proprio come il cenno che io ho fatto circa i motorini, caro/a earre (lei non ha fatto altro che darmi ragione). Poi su questo, lei ci può stendere tutti i veli che vuole, ma la cosa resta evidente comunque (almeno agli occhi di chi la pensa come me).

Se la sua preoccupazione è quella di dare anche ai dipendenti e ai pensionati l'opportunità di evadere, così come ce l'avrebbero i liberi professionisti o esercenti, questa è una pretesa che non c'entra nulla con il darsi la zappa sui piedi abolendo il libero uso del contante (che è l'oggetto di questo post)

circa il paragone che lei ha fatto: se lei vuole vietare il fumo, dovrebbe fare la stessa cosa che vorrebbe fare con il contante, dovrebbe vietare l'uso delle sigarette. Che caspita di attinenza logica avrebbe quella di vietare di respirare? Si eserciti meglio a fare i paragoni, che non le escono mica tanto bene e funzionali!
aerre [18/09/2013 05:06 pm] scrive:
Lei afferma che il problema dell'evasione fiscale in Italia non riguarda la cittadinanza "comune", ma sposta l'attenzione verso i grandi evasori finanziari e l'off shore, che certo va combattuto ma con strumenti internazionali, dimenticando che da noi soltanto una categoria, anzi due, dipendenti e pensionati, vengono alleggeriti dalle tasse in busta paga; invece il dentista, il professionista (medico,avvocato ecc.),l'artigiano (carrozziere,elettrauto,meccanico) che spesso riscuotono in contanti e in nero, possono avvalersi del criterio legato alla propria "coscenza" quando compilano le dichiarazioni iva e dei redditi.
E' questo l'aspetto liberale che Lei tanto difende?
Certo, ci sono anche quelli onesti e che non fanno nero, ma ne conosce molti Lei. Ha provato a fare una stima di quanto evadono costoro e quanto rubano alla collettività magari non pagando i servizi (dalla scuola materna all'università ecc).
Stenderei un velo pietoso poi sul cenno ai motorini ecc.. che, miperdoni, sembra proprio puerile: quindi per vietare il fumo bisogna vietare di respirare, secondo Lei?
axel [17/09/2013 11:58 pm] scrive:
Ottimo testo .. purtroppo l'unica cosa che cambierei è quel "all'Italiana" nel titolo , diciamo che tutto nasce in posti ben lontani dall'Italia
Inserisci un commento

Nome:
E-mail: (facoltativo)



Digitare i seguenti caratteri:
Security Image


| Dimenticami

Cliccando su "Inserire il commento" dichiari automaticamente di aver preso visione della nota informativa sulla Privacy e dai il consenso al trattamento dei dati.
Content Management Powered by CuteNews

 

Cerca sul Blog

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter del Blog

 

Inserisci il tuo indirizzo Email:



Vorrei ricevere informazioni circa:
Tutto
Cultura
Economia
Leggere Orme
Politica

Cliccando su "Vai" dichiari automaticamente di aver preso visione della nota informativa sulla Privacy e dai il consenso al trattamento dei dati.


 

Ultimi Commenti
 
pasquale [27/07/2016] scrive: Le banche le abbiamo inventate perché fungessero da deposito di beni merci (metalli preziosi, principalmente), proprio perché circolassero le rappresentative note di banco (il denaro contante, appunto).
Studia meglio Claudio, perché articoli come questo sono la prova schiacciante che non tutti vogliono rimanere nell'ignoranza dilagante. Ignoranza dilagante di cui il tuo commento ne è purtroppo una prova schiacciante. Vai al post

claudio [24/07/2016] scrive: Abbiamo inventato le banche per non circolare con il denaro. Eravamo i primi siamo oggi indietro come le palle dei cani e l'articolo ne è prova schiacciante. Ps. Sarà mica casuale che abbiamo il record dei pagamenti in contanti e il record dell'evasione fiscale. Vai al post

claudio [29/06/2016] scrive: C'è qualcuno che potrebbe dirmi quanto costa stampare e coniare moneta nella UE e in Italia? Vai al post

Le Battaglie del Blog

 

Contante Libero

 

I Portali del Blog

 

Ultimi post inseriti:

Link Amici
 
Segui il blog:
EconoMia & Finanza
LunarPages.com
CutePHP.com
Altervista.org
Histats.com
OkNotizie.Alice.it
Segnalo.Alice.it
Fai.Informazione.it
RischioCalcolato.it
WallStreetItalia.com
Trend-OnLine.com
Facebook/Bloggeritalia
BorsaWeb.altervista.org
ContanteLibero.it
 
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
Liquida 
Aggregatore 
Blog Directory 
http://www.wikio.it 
 

 

© 2008-2017 MarneviBlog 1.5 by Pasquale Marinelli - Tutti i diritti sono riservati | Designed by Pasquale Marinelli | Diffusione dei contenuti | Privacy |
loghi creati il 24/04/2011 | ® registrati il 06/06/2011 | pubblicati il 06/06/2011 | Autore: Pasquale Marinelli | © Titolare del copyright: Pasquale Marinelli | Limiti di utilizzo

 

facebook